Attendere prego ...

Testi

Io ballo a stento

Autore   Edoardo Bennato
Compositore   Edoardo Bennato
Editore   Edizioni Musicali Cinquantacinque
E adesso tutti in discoteca
a fare i classici quattro salti
da quella parte ce ne per tutti
ce ne per tutti, anche per me

Io ho due braccia e due gambe come te
e questo è proprio il ritmo che piace a me
eppure io ballo a stento, io ballo a stento

Sarà che a scuola non ero mai convinto
e da bambino odiavo il girotondo
e adesso ballo a stento , io ballo a stento

....è più forte di me
è più forte di me....

C’è chi conosce a memoria tutti i passi
ed ad ogni ballo riesce ad adattarsi
e c’è chi balla a stento, chi balla a stento

Serate punk serate in doppiopetto
e c’è chi indossa sempre il vestito adatto
e c’è chi balla a stento, chi balla a stento

E adesso tu tu che sei tu che sei
più bella che mai
mi vuoi con te vuoi con te vuoi con te
dovunque te ne vai

Io ti seguirei fino all’inferno
in discoteca certo ti accompagno
e posso anche ballare ma questa
è l’ultima cosa che posso fare!..

E’ più rischioso, ma è divertente
andare contro la moda, controcorrente
e allora ballo a stento, io ballo a stento

E adesso tu tu che sei tu che sei
più bella che mai
mi vuoi con te vuoi con te vuoi con te
dovunque te ne vai

Seguire il branco, il movimento
essere pronto ad ogni cambiamento
e invece io ballo a stento, io ballo a stento

Non c’è un motivo preciso, una ragione
è solo spirito di contraddizione
e intanto io ballo a stento

io ballo, io ballo, io ba-ba-ballo a stento!...