Attendere prego ...

Testi

Lo zio fantastico

Autore   Eugenio Bennato
Compositore   Edoardo Bennato
Editore   Edizioni Musicali Cinquantacinque
Quasi ogni domenica, una ragazza nuova
ad ogni incontro, la stessa passeggiata
lui lo zio fantastico, l’auto non l’aveva
ma un amico fisso che lo accompagnava

Folle nei teatri, varietà e rivista
le soubrettes e i comici, pubblico entusiasta
la ribalta splendida come una vetrina
e lo zio fantastico, sempre in prima fila.....

E poi arrivò la guerra ...che tutti i sogni porta via
la guerra in ogni lettera in ogni fotografia
E poi arrivò la guerra ...che tutti i sogni porta via
la guerra quella vera quella senza ironia....

Signorine pallide, storie di anni trenta
e lo zio fantastico, che ce le racconta
c’era ancora il valzer e tutti erano felici
ma lui pensava a Cuba ed ai suoi ritmi audaci!...

E una sera perse, l’ultima corriera
ogni due chilometri, una lampadina
tutto quello scuro, non lo spaventava
mentre camminava, pensava al suo futuro...

E poi arrivò la guerra ...che tutti i sogni porta via
la guerra in ogni lettera in ogni fotografia
E poi arrivò la guerra, sempre diversa, sempre uguale
la guerra dove tutto è un po’ più grigio anche il mare
E poi arrivò la guerra ...che tutti i sogni porta via
la guerra quella vera quella senza ironia....


La guerra vera, la guerra finta
la guerra che lo zio fantastico non la racconta
la guerra finta, la guerra vera
la guerra che lo zio fantastico chissà dov’era
la guerra vera, la guerra finta
la guerra che alla fine non si sa mai chi l’ha vinta!
La guerra finta la guerra vera
la guerra che lo zio fantastico chissà dov’era.